Il valore di evitare facili scorciatoie

barack-obamaAnche per me non è un picnic, ragazzo”. E’ questa l’espressione che usava la madre di Barack Obama quando il figlio si lamentava di doversi alzare alle 4.30 del mattino per seguire le sue lezioni private, vista l’impossibilità economica di poter frequentare le scuole americane durante il loro soggiorno in Indonesia. Inizia in questo modo il discorso che il Presidente americano ha fatto agli studenti americani per l’apertura dell’anno scolastico.

E’ un discorso appassionato e molto bello che richiama il valore della responsabilità individuale. Eccone un estratto: “(…) ho fatto un sacco di discorsi sull’istruzione. E ho molto parlato di responsabilità. Della responsabilità degli insegnanti che devono motivarvi all’apprendimento e ispirarvi. Della responsabilità dei genitori che devono tenervi sulla giusta via e farvi fare i compiti e non lasciarvi passare la giornata davanti alla tv. Ho parlato della responsabilità del governo che deve fissare standard adeguati, dare sostegno agli insegnanti e togliere di mezzo le scuole che non funzionano, dove i ragazzi non hanno le opportunità che meritano. Ma alla fine noi possiamo avere gli insegnanti più appassionati, i genitori più attenti e le scuole migliori del mondo: nulla basta se voi non tenete fede alle vostre responsabilità. Andando in queste scuole ogni giorno, prestando attenzione a questi maestri, dando ascolto ai genitori, ai nonni e agli altri adulti, lavorando sodo, condizione necessaria per riuscire. (…) Qualunque cosa facciate voglio che vi ci dedichiate. So che a volte la tv vi dà l’impressione di poter diventare ricchi e famosi senza dover davvero lavorare, diventando una star del basket o un rapper, o protagonista di un reality. Ma è poco probabile, la verità è che il successo è duro da conquistare.

Il discorso di Obama evidenzia un aspetto molto importante. Il messaggio che, da almeno dieci anni, arriva ai giovani quotidianamente è che la responsabilità individuale non serve, gli sforzi e i sacrifici fatti per ottenere qualcosa sono per gli stupidi o gli sfigati. Quello che conta è conoscere le giuste personee farsi raccoomandare, far parlare di sé in tutti i modi e trovare furbe scorciatoie per il successo. In Italia il velinismo e il tronismo sono i sintomi di questo stato di cose. Viviamo in un Paese in cui persone che hanno commesso reati, e per questi sono stati condannati, hanno immediatamente l’occasione di riciclarsi in televisione in qualche reality ed escort presidenziali diventano le nuove star del momento. Più nefandezze si compiono e più si ha accesso a ricchezza, notorietà e successo.

Ben venga, quindi, anche da noi, un discorso che riprenda il valore della responsabilità e dica a chiare lettere ai giovani: studiate, impegnatevi, distinguetevi per una vostra competenza e abilità. Non vi sentite sfigati rispetto a chi usa le scorciatoie, consapevoli del fatto che le loro strade, prima o poi finiranno, mentre le vostre continueranno e si amplieranno nel tempo.

Barack Obama lo augura a tutti gli studenti americani, ma questo vale per tutti noi.

La versione integrale del discorso di Barack Obama è disponibile sul sito de La Stampa.

Advertisements

One thought on “Il valore di evitare facili scorciatoie

  1. Ben detto. Purtroppo, da noi, la via d’uscita ancora non si intravede. Anzi…

    Nel 2008 Ted Sorensen, il leggendario speechwriter di JFK (“Ask not what your country can do for you […]”), afflitto dal Parkinson e da tre tumori, uscì dalla sua casa di Manhattan per la prima volta in cinque anni e volò da Ted Kennedy per raccomandargli di sostenere Obama (invece di H. Clinton) per la corsa alla Casa Bianca. Disse di averlo fatto perché Obama gli ricordava JFK.

    Aspettiamo pazienti la nostra Camelot… (http://www.fendac.it/content/download/Informazione/Giornale/Maggio%202007/pag_16.pdf)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...