Suicidio elettorale e creazione di identità

La decisione di Barack Obama di appoggiare la costruzione di una moschea a Ground Zero è stata definita da molti politologi come un suicidio elettorale, il 68% degli americani sono infatti contrari a questa iniziativa. Obama ha spiegato la sua decisione ricordando che  la libertà di religione è un diritto di tutti e il miglior modo per onorare Ground Zero è applicare i valori e i principi su cui si fonda l’America.

Al di là del merito della questione, non posso che applaudire la decisione di Obama. Da molti anni si prendono decisioni politiche sondaggi alla mano. In questo modo la politica smette di indicare la direzione al Paese, limitandosi a seguire le inclinazioni e le opinioni (spesso fornite sotto l’ombrellone in assenza di alcun approfondimento al riguardo) della maggioranza. Perde quindi la sua valenza di guida, di creazione di senso,  identità e di educazione. Obama si sarà suicidato elettoralmente, ma ha dato un bell’esempio di come si governa un Paese.  Il valore della sua decisione probabilmente determinerà un prezzo (personale) da pagare nell’immediato ma – nella sua visione del Paese –  porterà benefici nel lungo periodo, rinforzando i principi e i valori che dovrebbero guidare le nuove generazioni americane.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...