I classici del management nell’era della complessità

Nel giugno del 2007 il Direttore de L’Impresa mi ha chiesto di pensare a una rubrica periodica, chiamata Back to Basics, in cui presentare le idee, i modelli e gli approcci che col tempo sono diventati classici del management, accompagnando queste riflessioni manageriali ad un commento critico che mettesse in luce la loro adeguatezza e coerenza alle attuali e future sfide competitive.  In questi cinque anni ho scritto più di cinquanta articoli, presentando e commentando le idee di alcuni tra i più importanti autori e studiosi di management a livello internazionale. Mi riferisco, ad esempio, a Michael Porter, Gary Hamel, Henry Mintzberg, Charles Handy, John Kotter, Philip Kotler, solo per citarne alcuni.

Il libro “Guida ai classici del Management nell’era della complessità” nasce come tentativo di dare un ordine e una sistematizzazione a tutte le riflessioni sviluppate all’interno della rubrica Back to Basics de L’Impresa.  Gli articoli sono stati pertanto rivisti, aggiornati e raggruppati in sette capitoli tematici: l’organizzazione aziendale, la strategia, la cultura d’impresa, la leadership, la gestione delle persone, il marketing e gli scenari, e il management e decision making.

Ogni capitolo è costituito da un breve profilo dell’autore che ha proposto l’idea, il modello o l’approccio diventato un classico del management, un brano originale estratto da un suo libro, il mio commento e una sintetica scheda riassuntiva in cui si riassume in breve l’idea di management e si indica, attraverso il mio personale giudizio, il grado di attualità di quel modello/approccio alla realtà competitiva attuale. Il filo rosso che accomuna i miei commenti ai classici del management è naturalmente la complessità.

La gestione d’impresa, a partire dai primi del ‘900, si è sviluppata intorno ad un visione razionalista e meccanicistica dell’azienda e dell’ambiente in cui opera. L’epistemologia alla base di molti approcci di management risulta essere obsoleta rispetto alle evoluzioni dell’ambiente competitivo e alla crescita della complessità che lo caratterizza. Molti modelli di management che sono ormai considerati classici del pensiero manageriali appaiono, per lo meno a mio giudizio, datati e poco efficaci in un mondo fortemente interdipendente e complesso. Altri mantengono invece una grande efficacia e appaiono, oggi più di ieri, adatti alle nuove sfide competitive globali.

I classici del management sono in grado di aiutare a governare la complessità dell’attuale contesto competitivo? La loro ricetta mantiene una valenza anche nel mondo complesso di oggi? Sono queste le domande a cui il libro cerca di dare una risposta.

3 thoughts on “I classici del management nell’era della complessità

  1. Pingback: Un piacevole ripasso…per guardare avanti « Management sostenibile

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...