Letture – La Via

la viaChi segue questo blog sa che Edgar Morin rappresenta per me una fonte di grande ispirazione. I suoi libri, a partire da Il Metodo 1 – La Natura della Natura, hanno in qualche misura determinato una svolta nel mio modo di vedere il mondo e hanno chiarito ciò che nella mia testa era sfocato e solo abbozzato.

Questo testo di Morin è molto diverso da quelli de Il Metodo. Esso rappresenta allo stesso tempo, una critica alla visione razionalista e deterministica del mondo e delle sue dinamiche sociali politiche ed economiche, e uno sprone a ripensarle sotto una luce diversa, una luce che contempli la consapevolezza della complessità. Già il sottotitolo della premessa iniziale del libro dice molto: “Sparsa colligo” (unire ciò che  disperso, separato). Questo è sempre stato il fulcro del pensiero di Morin sull’interpretazione delle problematiche del mondo, sullo sviluppo della conoscenza e sull’evoluzione della società:

“Il presente è percepibile solo in superficie. E’ lavorato in profondità da solchi sotterranei, da invisibile correnti sotto un terreno apparentemente fermo e solido. Inoltre la conoscenza è sconcertata, nello stesso tempo, dalla rapidità delle evoluzioni e dei cambiamenti contemporanei e dalla complessità propria della globalizzazione: innumerevoli inter-retro-azioni fra processi estremamente diversi (economici, sociali, demografici, politici, ideologici, religiosi, ecc.).

Infine (…) noi soffriamo senza averne coscienza di due tipi di carenze cognitive:

–          La cecità di un mondo di conoscenza che, compartimentando i saperi, disintegra i problemi fondamentali e globali, i quali necessitano di una conoscenza transdisciplinare;

–          L’occidentalo-centrismo che ci arroca sul trono della razionalità e ci dà l’illusione di possedere l’universale”.

Ne La Via Morin prova a riassumere la sua visione di sviluppo declinandolo su temi differenti: il pensiero politico, l’economia, la demografia, l’ecologia, la giustizia, la lotta alla povertà, l’educazione.

Chi ha letto già altri libri di Morin, non troverà in questo testo delle novità assolute. Il libro sembra una sorta di testamento per i posteri, un appello ai potenti della Terra per mettere al centro, non nuovi problemi, ma modi diversi di concepirli e di risolverli.

2 thoughts on “Letture – La Via

  1. Ciao Alessandro
    Sono perfettamente daccordo con la capacità ispiratrice di Morin. In particolare su quanto tu riprendi a proposito della “…cecità di un mondo di conoscenza che, compartimentando i saperi, disintegra i problemi fondamentali e globali, i quali necessitano di una conoscenza transdisciplinare;”

    Forse non te ne avevo mai parlato, e spero tu non me ne voglia se lo faccio in questo spazio, abbiamo lanciato una iniziativa qualche anno fa proprio per indirizzare “socialmente” questo enorme problema: L’Expo della Conoscenza (http://www.expoconoscenza.org/ e un blog di commento in questa ottica http://balbettantipoietici.blogspot.it/ )
    Allo scopo di non destare “sospetti” sugli intenti culturali dell’iniziativa, essa è di proprietà di una apposita e omonima associazione no profit.

    Solo un lavoro di sintesi “dal basso”, che coinvolga tutti i protagonisti, con un processo che garantisca la continuità del lavoro, e non si spenga dopo un evento, come accade purtroppo con i “festival”, può garantire la “sparsa colligo” che oggi è la vera risorsa che può farci uscire dallo stato in cui ci troviamo: economicamente, socialmente, spiritualmente.

  2. Condivido pienamente la visione di Morin, anzi, per dirla tutta, mi occupo da qualche tempo dello stesso tipo di approccio alla complessità.

    La conoscenza interdisciplinare è fondamentale per indagare gli innumerevoli meandri della complessità. Ci sono ormai molti istituti che promuovono l’interdisciplinareità più che le specializzazioni, ad esempio il Santa Fe Institute negli Stati Uniti.

    Oltre al pensiero politico, l’economia, la demografia, l’ecologia, la giustizia, la lotta alla povertà, l’educazione, potranno essere considerate sotto nuova luce anche scienze più “esatte”, come ad esempio la statistica e l’ingegneria in quanto applicazione pratica delle conoscenze sulla complessità.

    Gli eventi si verificano percorrendo la via che nel momento è la più favorevole tra quelle disponibili…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...