Per favore non un altro esperto di rischio…

risk-managementNell’articolo  “Boards Must Take on Risk Managementpubblicato da Business Week si avanza l’idea di istituire una nuova figura professionale esperta di rischio all’interno dei board aziendali. Il  sottotitolo recita:” You’ve heard of the Qualified Financial Expert, or GFE? Perhaps your board should consider a new acronym as well: QRE, Qualified Risk Expert. Gli autori, Clarke Murphy e Frank Brown, propongono di inserire all’interno dei board la figura del QRE (Qualified Risk Expert) al fine di prevenire nuove crisi finanziarie e migliorare la comprensione dei rischi che le aziende (in primis del settore finanziario) si assumono attraverso determinate azioni. La proposta di Murphy e Brown si spinge quindi oltre il Sarbanes-Oxley Act (SOX) del 2002 che, in seguito agli scandali Enron e Worldcom, prevede che all’interno dei board ci sia un “Qualified Financial Expert” (QFE) con competenze contabili e finanziarie. Oltre al QFE, secondo l’autore, si dovrebbe far entrare nei board anche un fantomatico QRE (detta in questo modo sembra un film di fantascienza…).

Trovo questa proposta, senza mezzi termini, inutile, potenzialmente dannosa e ai limiti del ridicolo. La SOX richiede che il Quality Financial Expert sia stato un “former top level accountant”, un chief financial officer o un “corporate controller”. Non soddisfatto di queste competenze già presenti all’interno dei board, Murphy dice che occorre creare il Qualified Risk Expert che viene descritto in questo modo: “the QRE director ideally should be a former senior executive in a sophisticated financial organization-an investment bank, commercial bank, or insurance company-with a complicated balance sheet. He or she should have a deep understanding not only of the entire spectrum of financial instruments and trading strategies but also of the asset-liability management process.

Sorgono due domande. La prima: Il Qualified Financial Expert già attualmente previsto nei board non ha queste competenze? Non conosce gli strumenti finanziari? Non comprende le strategie di trading? Ma allora di cosa è esperto? La seconda domanda è questa: Non sono stati propri i “senior executive” delle istituzioni finanziarie che hanno creato l’attuale crisi mondiale?

Dal mio punto di vista inserire esperti di rischio dentro i board, invece di migliorare la situazione, la peggiorerebbe. Quello che si avrebbe è che l’opinione pubblica potrebbe pensare che le istituzioni finanziarie sarebbero più “sotto controllo”, quando nella realtà sarebbe l’opposto. Dall’articolo di Business Week sembrerebbe quasi che la crisi sia dovuta al fatto che mancassero esperti di rischio nelle imprese. Non è assolutamente così. Le imprese erano (e sono tuttora) piene di esperti di finanza e di rischio. Tali esperti, però, basano le loro decisioni su modelli finanziari sbagliati (si vedano i post: “La crisi e la matematica“, “C’è la crisi? Provate i frattali” e “L’investitore Saggio“) e si tutelano dietro formule matematiche eleganti ma poco rappresentative della realtà per massimizzare i profitti dello loro operazioni, senza cura delle conseguenze delle stesse. Quando, come riporta l’Herald Tribune si arriva a concedere ad un raccoglitore di fragole messicano con un reddito di 14.000 dollari l’anno che parla poco e male l’inglese, un mutuo da 720.000 dollari per l’acquisto della casa, non bisogna essere geni o super esperti (QRE…) per capire che forse la soglia di rischio accettabile è stata ampiamente superata.  Se, poi a questa pazzia, aderiscono altre banche che acquistano il mutuo del contadino messicano e ne fanno oggetto di ricavo, l’impatto di questa decisione diventa sistemico.

Secondo me inserire l’ennesimo esperto di rischio nei board ammanterebbe di credibilità operazioni che non dovrebbero essere considerate credibili. Se proprio dobbiamo modificare i board facendo entrare una nuova figura, allora preferisco una vecchia idea di Victor Palmieri: “”Le strategie approvate nel consiglio di amministrazione spesso sono tali che anche un bambino direbbe che sono destinate al fallimento. Il problema è che non c’è mai nessun bambino nei consigli di amministrazione“. (Fortune 24 febbraio 1992)

Advertisements

6 thoughts on “Per favore non un altro esperto di rischio…

  1. Non sono d’accordo con te al 100%.
    Può darsi che la specifica proposta di Business Week non sia utile, ma certo è difficile negare che noi si sia testé assistito a una macroscopica sottovalutazione del rischio.
    Business Week propone di far scalare il risk management a livello di governance. Tu la consideri una proposta inutilie. Non so.
    Certo, poiché il business finanziario consiste essenzialmente nell’assunzione di rischi, una visione più olistica e controllata del rischio globale d’impresa dovrebbe essere considerata.

  2. Non metto in dubbio l’esigenza di avere un maggiore controllo del rischio, anzi. Quello che non mi convince è la ricetta: mettere l’ennesimo esperto di rischio all’interno dei board. Qui si aprono una serie di problemi:
    1) gli esperti del rischio abbiamo visto che spesso tali non sono
    2) il funzionamento dei board – per diverse ragioni – è spesso più vicino al management che agli azionisti e quindi più influenzato dai punti di vista dei gestori che degli investitori.
    3) la figura del QRE mi sembra l’idetikit tipo del senior manager delle stesse istituzioni finanziarie che sono fallite in questi ultimi mesi. Da questo punto di vista Richard Fuld, l’ultimo Chairman e CEO di Lehman Brothers potrebbe essere un eccellente candidato.
    A proposito di Lehman Brothers, all’interno del suo board prima del fallimento c’erano personaggi come John Akers (ex CEO di IBM), Thomas Cruikshan (Ex CEO di Hulliburton Energy Services), Chris Gent (ex CEO di Vodafone), Henry Kaufman (ex Managing Director di Solomon Brothers ed economista della Federal Reserve Bank di New York) e John Macomber (principal di JDM Investment Group ed ex senior partner di McKinsey). Non mi sembra che queste persone fossero digiune di rischio, incompetenti, o inesperte. Non potrebbero anche loro essere degli ottimi candidati per diventare dei QRE?

  3. Anch’io penso ci siano minacce di “tautologia”, con tutto questo tourbillon di facce note.

    Però il risk management è una discplina complessa che richiede non solo competenze di business ma anche matematiche e informatiche.

    Queste competenze non sono nei board (per altisonanti che possano essere i nomi), bensì sepolte nell’organizzazione aziendale.

  4. Forse allora in questi anni queste competenze sono state un po’ troppo “sepolte” dentro l’organizzazione aziendale… ciao Paolo

  5. La proposta di inserire un esperto di risk management all’interno del board come garanzia di sicurezza è, a mio modo di vedere, un inutile operazione.

    Probabilmente, come dice Paolo, queste competenze esistono gia nelle istituzioni finanziarie e assicurative, ma sono sepolte o non ascoltate nei board che prendono decisioni con altre logiche.

    Forse il vero problema e farle emergere e metterle al centro, “ascoltarle” nel board. Potrebbe essere una competenza richiesta per ricoprire alcune posizioni aziendali che figurano nel board.

    Inserire un nuovo esperto mi sembra un’operazione “di facciata”

    Ciao Alessandro

  6. Pingback: Migliorare l’efficacia dei boards « Competere nella complessità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...